Questo è un Urban Blog! Messina

Si avvicina la notte di Halloween, fra tradizioni a rischio e nuove usanze


Dai paesi anglosassoni fino all'Italia, una ricorrenza criticata di “spiritismo” in continua crescita soprattutto fra i giovanissimi.

Acquisisce
ogni anno sempre più importanza in Europa ed in Italia la festa di Halloween, seconda ormai soltanto al Natale per vendite ed acquisti di beni di ogni tipo a tema. Ma da dove deriva, in cosa consiste e che tipo di diffusione reale ha al momento in Italia e a Messina quest'evento che, oltre ad affascinare sempre più i giovanissimi, suscita anche numerose polemiche, timori e perplessità?

La tradizione di Halloween festa popolare di origine pagana e pre-cristiana, festeggiata il 31 ottobre alla vigilia di Ognissanti, risale allo Samhain, la celebrazione dell'anno nuovo presso l'antico popolo celtico. Samhain, che tradotto significa "la fine dell'estate," cadeva nel periodo alla fine di Ottobre, quando il clima diventava più freddo. Secondo la tradizione Celtica i momenti di transizione tra due stati (come il cambio di stagione appunto) avevano particolari poteri magici. I Celti credevano che questo momento magico
potesse aprire una sorta di connessione con il mondo dei morti, coloro cioè che avevano fatto esperienza dell'ultima transizione, quella tra la vita e la morte. Si credeva infatti che durante il Samhain mondo dei vivi fosse in stretto contatto con quello dei morti, e che gli spiriti dei morti viaggiassero nuovamente sulla terra. Molte delle attività svolte durante Samhain riguardavano proprio questa credenza ed oggi si sono sviluppate in vere e proprie tradizioni di Halloween.
I simboli della festa di Halloween sono tutti di natura macabra. La simbologia di Halloween, nata in età pre-Cristiana e legata al Paganesimo è colma di figure come il pipistrello, il gatto nero, la zucca “Jack o'lantern” intagliata a forma di sguardi minacciosi illuminati da una candela accesa all'interno di essa, fantasmi e scheletri, il calderone della strega, il gufo, i colori nero e arancione, il ragno, il manico di scopa, i film horror e numerosissime altre immagini macabre usate nelle feste e nei travestimenti. L'eccessiva scabrosità che contraddistingue l'Halloween, l'elogio aperto verso lo spiritismo, i numerosi casi di cronaca nera negli Stati Uniti come messe nere, profanazione di tombe, sedute spiritiche, rituali satanici e l'eccessiva vicinanza di tutto ciò con la principale festività dei cristiani in onore dei morti che rischia seriamente di essere messa in secondo luogo dai giovani, hanno spinto da tempo molti critici a denunciare pesantemente questa ricorrenza, vedendo in essa, oltre ad un enorme giro di affari, una vera e propria festa satanica che spinge in modo subdolo i giovani ad avvicinarsi al mondo dello spiritismo e del satanismo.

Anche se la festa di Halloween appartiene storicamente ai paesi anglosassoni, anche in Italia è ormai molto diffusa l’usanza di festeggiare questa notte stregata. Feste e balli in maschera si organizzano in locali notturni, discoteche ma anche nelle case in privato, a rievocare le atmosfere macabre degli spiriti dei morti che vagano sulla terra. Si tratta di un secondo carnevale di importazione anglosassone dove Colombina e Pulcinella lasciano il passo a streghe, diavoli e personaggi raccapriccianti nati dai set cinematografici dei film horror. Una nuova moda che alimenta il mercato delle zucche di plastica, delle maschere orride, dei ragni e dei pipistrelli di gomma, e che spesso si sovrappone alle nostre tradizioni legate alla festa dei morti.


Molto attenuato e soltanto più estetico che altro l'impatto in Italia e nella nostra città quindi, che al momento si ferma fortunatamente soltanto all'organizzazione di numerose serate a tema nelle discoteche, qualche travestimento e scherzi goliardici per l'occasione come testimoniano molti ragazzi messinesi che vivono l'halloween ancora come una serata in discoteca come le altre, con l'unica attenuante dei costumi e dell'apparenza un po' diversa. Più originali le testimonianze di Anna e Francesco, che per smorzare l'abitudine usano spaventare i passanti nascondendosi dietro le siepi ed uscire “di botto” con delle zucche intagliate a forma di visi illuminati dalle candele all'interno di esse. Ma c’è anche chi, come Emanuele, preferisce interpretare la giornata pensando al significato religioso-cristiano della “festa”
.Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=45132#ancora
TΔG·.·• , , | edit post
Rεaziσni: 
0 Responses

Posta un commento

¯`·.·•

  • Karia - Bleach: ☞Io sono sano di mente...è il mondo che è fuori di testa!
  • Inoki: ☞Illuminami oppure prodigati per tenermi a bada.
  • David Icke: ☞L'amore infinito è l'unica verità, tutto il resto è illusione.☞Le parole "pazzo" e "malato di mente" sono sempre state usate nel corso della storia per descrivere persone e idee che sono semplicemente diverse. E "diverso" non vuol dire sbagliato. Molte delle idee che un tempo furono condannate e ridicolizzate sono poi entrate a far parte della saggezza comune. Prima vi ridicolizzano; poi vi condannano; poi vi dicono che hanno sempre saputo che avevate ragione.
  • Novalis: ☞Il pensiero è soltanto un sogno del sentimento. ☞Il poeta comprende la natura meglio dello scenziato. ☞Il senso per la poesia ha molto in comune col senso per il misticismo; rappresenta l'irrappresentabile, vede l'invisibile, sente il non sensibile. ☞Agli uomini nessuna cosa è impossibile, ciò che voglio posso. ☞La vita non dev'essere un romanzo impostoci, bensì un romanzo fatto da noi. L'amore è lo scopo finale della storia del mondo, l'amen dell'universo. ☞noi siamo il destino che regge il mondo. ☞Il mondo è un indice enciclopedico e sistematico del nostro spirito, una metafora universale, un'immagine simbolica di esso. ☞Il sentimento morale è in noi il sentimento della potenza assoluta di creare, della libertà produttiva, della personalità infinita del microcosmo, della divinità propriamente detta in noi.
  • Gandhi: ☞Sono in effetti, un sognatore pratico. I miei sogni non sono impalpabili nullità. Voglio convertire il più possibile i miei sogni in realtà. ☞Se una qualche mia azione che aspiri ad essere spirituale si dimostra poco pratica, va dichiarata fallimentare. Credo che l'atto più spirituale debba essere il più pratico, nel vero senso del termine. ☞Sono troppo consapevole delle imperfezioni della specie cui appartengo per potermi irritare contro un qualsiasi membro di essa. ☞La non-violenza opera in maniera assai misteriosa. Spesso le azioni di un uomo appaiono difficilmente analizzabili in termini di non-violenza. ☞Mi dichiaro idealista pratico.
  • Kurosaki Ichigo: Anche se non credi alle mie parole, i tuoi occhi mi crederanno...
╔════════════════════╗
█▄█ █ █▀█ █▄█ █▀█ █▀█
█▀█ █ █▀▀ █▀█ █▄█ █▀▀
╚ ═ ═ ═Ȼ ย ℓ τ ย я Δ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═
Licenza Creative Commons
Questo Blog è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0, pertanto questo Blog è libero, e può essere riprodotto e distribuito, con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, a fini non commerciali e con l'attribuzione della paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Mendoza120's Blog by Mendoza120 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at mendoza120.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.youtube.com/user/Mendoza120s.