Questo è un Urban Blog! Messina

26/11/2010: Seimila firme per la petizione popolare in favore di interventi per il verde pubblico
Presentato il documento all'Assessore all'Arredo urbano Amata, che conferma il suo impegno attivo a fianco ai firmatari

Importante gesto di partecipazione attiva alla vita pubblica quello della cittadinanza, che con una petizione popolare di circa ben 6000 firme sottolinea quanto sia essenziale il tema della natura e del verde pubblico. Argomento questo al di sopra di ogni ideologia o parte politica e sempre in primo piano per l'ambientalista Renato Accorinti, che nella presentazione dell'iniziativa rinnova l'attenzione all'importanza fondamentale della natura, simbolo di concatenazione totale dell'intero ecosistema che ci tiene in vita e quindi rigenerazione, salute collettiva ed equilibrio da sempre esistente nella vita degli esseri viventi e dell'uomo, senza il quale si compromette irrimediabilmente l'esistenza dell'ambiente e della nostra vita.

Equilibrio in precarissime condizioni soprattutto nella nostra città, dove secondo Accorinti è evidente «la responsabilità negli ultimi 40 anni di amministrazione dominati da

incessanti cementificazioni di numerosissimi spazi verdi non tutti edificabili, speculazioni edilizie ed incuria generale del verde pubblico sempre più rimpicciolito negli anni fino ai giorni d'oggi, contraddistinti dall'imbarazzante differenza fra i frutti delle politiche ambientali nel mondo e quelle non perseguite nella nostra città. A New York ad esempio – ha sottolineato ancora Accoranti - la massiccia presenza di grattacieli è accostata da numerosi spazi verdi fra i quali il Central Park, nel quale si ha la netta sensazione di essere totalmente in campagna; a Monaco di Baviera, nei grandissimi spazi fra un palazzo e l'altro, sono presenti numerosissime attrezzature ricreative che ospitano il verde; così anche nella “vicina” Bologna, dove 25 ettari di ex area militare sono stati adibiti a verde pubblico. In diretto confronto, quindi, Messina oggi risulta stritolata dal cemento e dai suoi affari, con il conseguente disfacimento dell'ecosistema e dall’insufficiente sufficiente verde pubblico.
Non basta la presenza delle principali ville cittadine, sempre più abbandonate a se stesse a causa della scarsissima manutenzione come nel caso dell'albero secolare della villa Mazzini caduto a causa della mancata potatura, della villetta di S.Licandro del tutto inutilizzabile oppure degli spiacenti casi di cronaca accaduti alla Villa Dante».

La petizione popolare nominata “La natura ci salverà” - resa possibile grazie all'imponente partecipazione attiva di associazioni, volontariato, sindacati, scuole, esercizi commerciali e comuni cittadini - crede nel cambiamento, reale e culturale dello stato di cose attuale, vede l'importanza del bene comune sentito come la casa e la proprietà di tutti, ed incarna la riappropriazione attiva della politica usata in senso costruttivo e non distruttivo, lanciando proposte concrete all'amministrazione comunale, come la creazione di grandi parchi attraverso il recupero delle aree libere, tra le quali quelle vicine alla Panoramica dello Stretto, l'apertura di un tavolo con il ministero della difesa per la conversione in verde delle aree militari come l'Ospedale militare, XXIV Artiglieria a Contesse, Marina militare nella zona falcata, Brigata Aosta a Bisconte, la riqualificazione del verde pubblico esistente, la richiesta di maggiori strade alberate usando anche i fondi dedicati agli addobbi natalizi e quindi il piantare tantissimi alberi in più, gesto questo che rappresenta il simbolo della vita per eccellenza.

Istanze e necessità dei firmatari raccolte positivamente dall'incontro costruttivo con l'amministrazione, rappresentata dall'assessore all'arredo urbano Elvira Amata, che accoglie il documento della petizione popolare e rinnova l'immagine delle istituzioni propense all'attaccamento nei confronti della città e sensibili all'importanza del tema del verde pubblico, accettando l'impegno attivo verso la conversione delle zone militari in spazi verdi (rinnovato il confronto già avviato con il ministero della difesa) ,verso la rivalorizzazione delle aree pubbliche già esistenti e verso una maggiore educazione ambientale.

Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=46044


TΔG·.·• | edit post
Rεaziσni: 
0 Responses

Posta un commento

¯`·.·•

  • Karia - Bleach: ☞Io sono sano di mente...è il mondo che è fuori di testa!
  • Inoki: ☞Illuminami oppure prodigati per tenermi a bada.
  • David Icke: ☞L'amore infinito è l'unica verità, tutto il resto è illusione.☞Le parole "pazzo" e "malato di mente" sono sempre state usate nel corso della storia per descrivere persone e idee che sono semplicemente diverse. E "diverso" non vuol dire sbagliato. Molte delle idee che un tempo furono condannate e ridicolizzate sono poi entrate a far parte della saggezza comune. Prima vi ridicolizzano; poi vi condannano; poi vi dicono che hanno sempre saputo che avevate ragione.
  • Novalis: ☞Il pensiero è soltanto un sogno del sentimento. ☞Il poeta comprende la natura meglio dello scenziato. ☞Il senso per la poesia ha molto in comune col senso per il misticismo; rappresenta l'irrappresentabile, vede l'invisibile, sente il non sensibile. ☞Agli uomini nessuna cosa è impossibile, ciò che voglio posso. ☞La vita non dev'essere un romanzo impostoci, bensì un romanzo fatto da noi. L'amore è lo scopo finale della storia del mondo, l'amen dell'universo. ☞noi siamo il destino che regge il mondo. ☞Il mondo è un indice enciclopedico e sistematico del nostro spirito, una metafora universale, un'immagine simbolica di esso. ☞Il sentimento morale è in noi il sentimento della potenza assoluta di creare, della libertà produttiva, della personalità infinita del microcosmo, della divinità propriamente detta in noi.
  • Gandhi: ☞Sono in effetti, un sognatore pratico. I miei sogni non sono impalpabili nullità. Voglio convertire il più possibile i miei sogni in realtà. ☞Se una qualche mia azione che aspiri ad essere spirituale si dimostra poco pratica, va dichiarata fallimentare. Credo che l'atto più spirituale debba essere il più pratico, nel vero senso del termine. ☞Sono troppo consapevole delle imperfezioni della specie cui appartengo per potermi irritare contro un qualsiasi membro di essa. ☞La non-violenza opera in maniera assai misteriosa. Spesso le azioni di un uomo appaiono difficilmente analizzabili in termini di non-violenza. ☞Mi dichiaro idealista pratico.
  • Kurosaki Ichigo: Anche se non credi alle mie parole, i tuoi occhi mi crederanno...
╔════════════════════╗
█▄█ █ █▀█ █▄█ █▀█ █▀█
█▀█ █ █▀▀ █▀█ █▄█ █▀▀
╚ ═ ═ ═Ȼ ย ℓ τ ย я Δ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═
Licenza Creative Commons
Questo Blog è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0, pertanto questo Blog è libero, e può essere riprodotto e distribuito, con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, a fini non commerciali e con l'attribuzione della paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Mendoza120's Blog by Mendoza120 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at mendoza120.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.youtube.com/user/Mendoza120s.