Questo è un Urban Blog! Messina

Terzo Settore e Legalita' - uno sguardo antropologico fra sicilianità e concretezza
Il fenomeno mafioso osservato nel convegno-talk show “Che fine ha fatto Matteo Messina Denaro?”
Terzo Settore e Legalita' 

La Formazione Quadri Terzo Settore Sicilia, organizza un gruppo d'incontro fra Sicilia e Calabria del Terzo Settore in relazione alla legalità e all'antimafia. Intervengono Giacomo Di Girolamo, giornalista e scrittore, Nino Amadore, giornalista Sole 24 ore, Giuseppe Cocchiara, questore di Messina, Giuseppe Di Natale, portavoce Forum Terzo Settore Sicilia, Tiberio Bentivoglio, imprenditore di Reggio Calabria, i gruppi di lavoro FQTS siciliani e calabresi. Il convegno “Che fine ha fatto Matteo Messina Denaro?” in forma di talkshow presso la Chiesa S.Maria Alemanna in un'atmosfera suggestiva, ricostruisce la tipica ambientazione della Sicilia ed i suoi vissuti di mafia, narrando a suon di mandolino la storia di Matteo Messina Denaro, l'ultimo capo di Cosa Nostra. Sotto i riflettori, il punto d'osservazione umano, emotivo, antropologico del trascorso e della vita di uno dei protagonisti di mafia, una storia singola che rappresenta un mondo, la storia e la natura delle altre e della realtà mafiosa per eccellenza. Una ricostruzione del dramma del fenomeno mafioso volta quasi per mettere luce sull'animo di quella Sicilia abbandonata a quel torbido compiacimento della rassegnazione e a quella sua convivenza con la mafiosità che sembra quasi abbia ottenuto una normalizzazione nella cultura della società. Effettivamente, colpisce un nostro lato antropologico remoto ascoltare la narrazione di un Matteo Messina Denaro, diversamente di quando si mettono in risalto gli esempi virtuosi dell'antimafia che pur favoriscono maggiormente la crescita di consapevolezza sul fenomeno. Più che l'enfatizzazione o il velato compiacimento, la sensazione è il metter luce su quel lato culturale dei siciliani che li lega ad un'ingannevole accettazione perversa di fascino e sudditanza; il sentire il problema come più grande delle nostre capacità, il vedersi sproporzionati al compito, il quale riduce la propensione della disposizione al rischio. Realtà sociali quali la povertà che poi favoriscono lo svendersi all'illegalità, anche se più che la povertà, sono l'ignoranza e la non consapevolezza i veri responsabili.
Tessuto sociale che comunque è alla ricerca di normalità, seppur in contesti difficili. L'immagine dell'altra Sicilia e della sua reazione, è la testimonianza di Tiberio Bentivoglio, imprenditore calabrese sopravvissuto ad un agguato di 'ndrangheta per non essersi sottomesso al sistema del pizzo; denuncia degli aggressori non come atto di un eroe o di coraggio, ma dovuto, come la forza di una persona normalissima di non rinunciare a ciò che si protegge, forza che nonostante la paura ed il rischio che possa finire male, bisogna portare avanti.
L'educazione alla legalità deve quindi svolgere una parte decisiva per la consapevolezza dei diritti e delle regole, del senso della legalità, della coscienza del vivere in società non nuocendo l'esistenza dell'altro. Il Terzo settore (le associazioni no profit, di volontariato, di promozione sociale), dedito alla tutela assistenziale delle categorie sociali più in difficoltà, nel contesto svolge un ruolo fondamentale per la relazione e partecipazione fra cittadino e amministrazione, recupero del rapporto di fiducia e stimolo per le istituzioni a dare supporto completo alla società civile, percorsi di responsabilizzazione, informazione corretta e giusta, integrazione per l'immigrazione vista non come problema di sicurezza ma come risorsa. Terzo settore in supporto per i diritti di salute e lavoro del cittadino, quindi restituzione alla comunità dei beni confiscati alla mafia, vigilando su procedure trasparenti in merito, in favore di concrete attività sociali per la collettività.

Fonte: http://www.ilcarrettinodelleidee.com/sito/attualita/item/2797-terzo-settore-e-legalita.html

¯`·.·•

  • Karia - Bleach: ☞Io sono sano di mente...è il mondo che è fuori di testa!
  • Inoki: ☞Illuminami oppure prodigati per tenermi a bada.
  • David Icke: ☞L'amore infinito è l'unica verità, tutto il resto è illusione.☞Le parole "pazzo" e "malato di mente" sono sempre state usate nel corso della storia per descrivere persone e idee che sono semplicemente diverse. E "diverso" non vuol dire sbagliato. Molte delle idee che un tempo furono condannate e ridicolizzate sono poi entrate a far parte della saggezza comune. Prima vi ridicolizzano; poi vi condannano; poi vi dicono che hanno sempre saputo che avevate ragione.
  • Novalis: ☞Il pensiero è soltanto un sogno del sentimento. ☞Il poeta comprende la natura meglio dello scenziato. ☞Il senso per la poesia ha molto in comune col senso per il misticismo; rappresenta l'irrappresentabile, vede l'invisibile, sente il non sensibile. ☞Agli uomini nessuna cosa è impossibile, ciò che voglio posso. ☞La vita non dev'essere un romanzo impostoci, bensì un romanzo fatto da noi. L'amore è lo scopo finale della storia del mondo, l'amen dell'universo. ☞noi siamo il destino che regge il mondo. ☞Il mondo è un indice enciclopedico e sistematico del nostro spirito, una metafora universale, un'immagine simbolica di esso. ☞Il sentimento morale è in noi il sentimento della potenza assoluta di creare, della libertà produttiva, della personalità infinita del microcosmo, della divinità propriamente detta in noi.
  • Gandhi: ☞Sono in effetti, un sognatore pratico. I miei sogni non sono impalpabili nullità. Voglio convertire il più possibile i miei sogni in realtà. ☞Se una qualche mia azione che aspiri ad essere spirituale si dimostra poco pratica, va dichiarata fallimentare. Credo che l'atto più spirituale debba essere il più pratico, nel vero senso del termine. ☞Sono troppo consapevole delle imperfezioni della specie cui appartengo per potermi irritare contro un qualsiasi membro di essa. ☞La non-violenza opera in maniera assai misteriosa. Spesso le azioni di un uomo appaiono difficilmente analizzabili in termini di non-violenza. ☞Mi dichiaro idealista pratico.
  • Kurosaki Ichigo: Anche se non credi alle mie parole, i tuoi occhi mi crederanno...
╔════════════════════╗
█▄█ █ █▀█ █▄█ █▀█ █▀█
█▀█ █ █▀▀ █▀█ █▄█ █▀▀
╚ ═ ═ ═Ȼ ย ℓ τ ย я Δ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═
Licenza Creative Commons
Questo Blog è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0, pertanto questo Blog è libero, e può essere riprodotto e distribuito, con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, a fini non commerciali e con l'attribuzione della paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Mendoza120's Blog by Mendoza120 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at mendoza120.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.youtube.com/user/Mendoza120s.