Questo è un Urban Blog! Messina

Illustrato in un convegno il “Piano Comunale di Protezione Civile di Messina”, che scatterà nei casi di calamità

Aree di emergenza, informazione della popolazione, norme comportamentali, i contenuti del piano spiegati al convegno “Protezione Civile 2011: Stato dell'Arte”

Si è svolto ieri pomeriggio al Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca il convegno “Protezione Civile 2011: Stato dell'Arte” organizzato dal Kiwanis Club Messina Nuovo Ionio, nel quale hanno relazionato l'ing. Bruno Manfrè, Responsabile provinciale di Messina del Dipartimento Protezione Civile Regione Sicilia, sull'organizzazione del sistema nazionale di Protezione civile ed interventi svolti dal 1908 fino ad oggi, e l'ing. Antonio Rizzo, esperto del Sindaco di Messina per le attività di protezione civile che ha mostrato lo stato attuale dei sistemi di protezione civile a Messina rappresentati dal “Piano Comunale di Protezione Civile di Messina”, il piano d'emergenza della città in caso di calamità.

“Inconcepibile non aver avuto a Messina un piano d'emergenza fino al 2007 - afferma criticamente l'ing. Antonio Rizzo - elaborato soltanto dopo lo spiacevole evento di cronaca degli incendi di Patti costati

la vita di due persone”. Piano d'emergenza che costituisce la struttura fondamentale per la gestione delle emergenze individuando gli organi e le strutture comunali di Protezione Civile, le Aree di Emergenza, le mappe del territorio, della rete viaria, degli edifici rilevanti, dei percorsi strategici per l'emergenza e dei servizi a rete, le modalità di allertamento e di attivazione del personale e degli organi comunali, la corretta informazione della popolazione sui rischi del territorio, l'attuazione delle norme di comportamento e la realizzazione di periodiche esercitazioni.

Le aree di emergenza sono luoghi nei quali vengono svolte le attività di soccorso alla popolazione durante l'emergenza; divise in base alle 6 circoscrizioni nelle quali in ogni luogo chiave sono stati installati i cartelli stradali di riferimento, si distinguono in tre categorie: aree di attesa, aree di ricovero, aree di ammassamento. Le aree di attesa (segnaletica di colore verde) sono i luoghi “sicuri” come piazze, slarghi della viabilità, parcheggi, cortili, spazi pubblici e privati in cui la popolazione si raccoglie in occasione di evacuazioni preventive o successive al verificarsi di un evento calamitoso; le aree di ricovero (segnaletica di colore rosso) sono luoghi come strutture di accoglienza, tendopoli, insediamenti abitativi di emergenza, palestre, scuole, centri sportivi, aree militari, nei quali verrà sistemata la popolazione costretta ad abbandonare la propria casa per periodi più o meno lunghi; le aree di ammassamento (segnaletica di colore giallo) sono zone dedicate all'accantonamento di risorse di protezione civile provenienti dalle colonne mobili. Indivuazione delle aree di emergenza e installazione della segnaletica di riferimento, questi gli interventi del Comune di Messina che non bastano ancora all'ing. Rizzo che prosegue “il piano di emergenza fin qui elaborato, le esercitazioni di simulazione svolte nelle diverse istituzioni cittadine agli inizi del 2010 dopo gli eventi di Giampilieri, sono pur sempre un punto di partenza, ma nonostante questo, siamo un po' indietro? Mi sembra di si. Il problema si pone ora, in questo stesso luogo, in questo preciso momento, di fronte ad una situazione di critica emergenza, come ci comporteremmo, ora? L'informazione della popolazione, conoscere le norme di comportamento di sicurezza, le situazioni di rischio e quindi che ognuno sappia come proteggersi nell'immediato, sono priorità fondamentali da perseguire.

Le statistiche rivelano un numero di vittime di gran lunga superiore nelle popolazioni non informate e non addestrate a fronteggiare un evento calamitoso”.
Ecco alcune delle principali norme comportamentali nel caso di rischio sismico descritte nel Piano Comunale di Protezione Civile di Messina: prima del sisma, individuare le parti più resistenti della casa come pilastri, muri portanti, architravi, preparare oggetti di emergenza come torcie, radio portatili, farmaci; durante il sisma non farsi prendere dal panico, rifugiarsi nei punti solidi dell'edificio (pilastri, muri portanti) oppure ripararsi sotto tavoli, letti o protezioni, allontanarsi da finestre, pareti vetrate, lampadari, mensole, non sostare su balconi, scale, non usare ascensori; se ci si trova all'aperto, stare in aree come piazze, giardini, parcheggi, lontani da edifici, ponti, muri, sottopassaggi; dopo il sisma, non usare l'automobile per la viabilità dedicata esclusivamente ai soccorsi, raggiungere le aree di emergenza, non rientrare negli edifici danneggiati, collaborare per quanto possibile alle operazioni delle squadre di soccorso.

Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=48623
Tag 1 commenti | |
Reazioni: 
Notte della Cultura. “Hip Hop Show” al Lungomare del Ringo
MCing, Writing e Breakdance in un sabato sera alternativo all'insegna della “Cultura Hip Hop”
L'Hip Hop, uno dei principali movimenti culturali protagonisti della creazione di imponenti culture giovanili alternative, partito dall'esperienza multietnica dell'ambiente underground del Bronx a New York caratterizzata dall'intreccio e l'influenza reciproca delle diverse subculture, si è andato via via espandendo di nazione in nazione principalmente dagli anni '70 agli anni '90, toccando il mondo della musica, della danza, dell'abbigliamento, del design ma principalmente il mondo dell'espressione e dell'arte giovanile in ogni sua forma sia interiore che estetica. MCing e DJing, Writing e Breakdance sono i principali rami di questa cultura, che spaziano dalle creazioni di ritmiche basi musicali alle rime sempre più articolate dei rappers, dalle pirotecniche forme artistiche dei murales, graffiti ad opera dei tanto discussi writers alle abilità atletiche e creative delle esibizioni di ballo in freestyle dei breakers. B-Boy o Fly-Girl viene chiamato chi segue l'Hip Hop in ogni sua forma che spazia in numerosi altri linguaggi, usi e costumi difficilmente catalogabili, andando a formare una vera e propria cultura alternativa giovanile basata sull'espressione della propria interiorità sotto la forma dell'arte che più rispecchia la propria individualità.

E' proprio in occasione ed in continuità con il programma della Notte della Cultura a Messina che i gruppi Hip Hop locali “RimeSature” e “22esimo Quartiere”, propongono “una cultura nella cultura” inaugurando il primissimo evento pubblico organizzato sul Lungomare del Ringo “Belfiore” nella storia della città. Questo sabato sera dalle 22,30 quindi, alla passeggiata del Ringo (di fronte alla Chiesa, all'altezza della penultima fermata del tram verso il Baby Park), si potrà assistere al Live dei gruppi Hip Hop messinesi in continua attività produttiva “RimeSature” e “22esimo Quartiere” e, all'interno della serata, spazio libero autogestito per tutti i B-Boy dell'underground messinese tramite i microfoni aperti ai freestyle dei Rappers, i pannelli per i graffiti dei Writers, freestyle di breakdance liberi per ogni breaker ed infine selezione musicale no stop fino a notte inoltrata. “Hip Hop Show” è il nome dell'evento, “La mission – afferma Rada di RimeSature – è dare visibilità al movimento attorno l'Hip Hop messinese in una serata importante per Messina come la Notte della Cultura. Per noi la cultura Hip Hop è un veicolo di espressione della propria arte, della propria profondità; una valvola di sfogo della propria espressività interiore”.
Testamento biologico. Al Convegno “Sapere e poter scegliere” Beppe Englaro: «Per Eluana una condanna a vivere»

Consegnata questa mattina al presidente del consiglio comunale la petizione per chiedere l'istituzione del registro per il testamento biologico

In occasione della presentazione avvenuta questa mattina al Comune della raccolta firme per l'istituzione di un registro per il testamento biologico, il Comitato per la libertà di cura e di ricerca scientifica si è fatto promotore del convegno “Sapere e poter scegliere”. Ospite d’eccezione Beppe Englaro, padre di Eluana, la ragazza che ha vissuto per 17 anni in stato vegetativo fino alla morte naturale sopraggiunta a seguito dell’interruzione della nutrizione artificiale. Il sig. Englaro ha raccontato la propria esperienza su un tema, (eutanasia-accanimento terapeutico) che continua a dividere l’opinione pubblica

“Un anno prima che Eluana rimanesse coinvolte in quelle’incidente – spiega Beppe Englaro - un suo amico era entrato in coma. Nostra figlia ne era rimasta talmente colpita al punto da confessarci che piuttosto che rimanere in quelle condizioni, avrebbe preferito morire. Eluana aveva le idee molto chiare su questo discorso, era una ragazza

forte e determinata. La nostra famiglia si basava sul rispetto e sull'unita reciproca e per questo abbiamo fatto il possibile per esaudire la sua volontà. Continuare con l'alimentazione artificiale era peggiore della morte, una condanna a vivere. Per la medicina, tenere i pazienti in quelle condizioni è normalissimo pur di di strapparli alla morte, ma per noi era intollerabile”.

“Il primo messaggio – continua - lo lanciammo durante un convegno sull'intreccio fra la filosofia e il diritto. Facemmo un appello alle istituzioni, sottolineando che la vicenda non riguardava solo la famiglia Englaro, ma tutti i cittadini. Da allora in poi i media nazionali si interessarono seriamente alla nostra storia. La politica invece non ha dato mai risposta. Io continuo a pensare che siamo solo noi i padroni delle nostre scelte”.

Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=48140

Tag 0 commenti | |
Reazioni: 
01/02/2011: Raccolta firme per l’istituzione del registro del testamento biologico. Venerdì Beppe Englaro a Messina

Il padre di Eluana parteciperà al convegno “Sapere e potere scegliere” promosso dal Comitato per la libertà di cura e di ricerca scientifica

Erano gli inizi del 2009 quando il caso di Eluana Englaro divise l'opinione pubblica sul difficile discorso del testamento biologico. In seguito ad un incidente stradale la ragazza entrò in coma, tenuta in vita per 17 anni solamente da un sondino che la idratava e la alimentava. Prima dell'incidente, Eluana, dopo aver saputo di un amico in stato vegetativo permanente, esprimeva i suoi pensieri sullo staccare la spina o no, dicendo che se fosse stata al suo posto avrebbe desiderato porre fine alle sofferenze. Il padre Beppe Englaro e la sua famiglia, con tutti gli interrogativi e le discussioni morali, spirituali, giudiziarie, religiose che toccavano l'intero paese, lottarono per il compimento di questa volontà e dopo 17 anni di stato vegetativo della ragazza, si proseguì per via giudiziaria, dopo l'accettazione della Corte di Cassazione, ad interrompere la nutrizione artificiale. Il testamento biologico, ossia una dichiarazione in forma scritta del cittadino in condizioni di lucidità sulla volontà da seguire nei casi in cui si trovasse in condizioni di incapacità, è stato ampiamente trattato dai media nazionali ed anche discusso in Parlamento senza arrivare ad un'approvazione ed applicazione della legge, lasciando questo delicatissimo tema ai vuoti legislativi ed ai lunghi tempi della magistratura sul da farsi.

A tutto questo è dedicato il dibattito “Sapere e potere scegliere, incontro con Beppe Englaro”, organizzato dal “Comitato per la libertà di cura e di ricerca scentifica” che ha invitato il padre di Eluana a partecipare ad un incontro che si terrà venerdì presso il Salone degli specchi al palazzo della Provincia. Il Comitato si prefigge l'obiettivo di informazione in modo non dogmatico sul tema e di partecipazione ampia dei cittadini senza approssimazioni su un tema come il testamento biologico non ben interiorizzato, evidenziando il diritto costituzionale di decidere per la propria vita, affermando la propria autodeterminazione.
Il Comitato messinese per la libertà di cura e di ricerca scentifica, in attesa di svolte future sull'argomento, presenterà al Comune una raccolta firme per l'istituzione di un registro a Messina per il testamento biologico, dove i cittadini vi potranno esprimere le loro dichiarazioni in merito a ciò, sottolineando infine il disagio per la mancanza della figura del difensore civico a Messina, ruolo istituzionale indispensabile per avviare procedure come petizioni, referendum.

Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=48035#ancora
Tag 0 commenti | |
Reazioni: 

¯`·.·•

  • Karia - Bleach: ☞Io sono sano di mente...è il mondo che è fuori di testa!
  • Inoki: ☞Illuminami oppure prodigati per tenermi a bada.
  • David Icke: ☞L'amore infinito è l'unica verità, tutto il resto è illusione.
  • Novalis: ☞Il pensiero è soltanto un sogno del sentimento. ☞Il poeta comprende la natura meglio dello scenziato. ☞Il senso per la poesia ha molto in comune col senso per il misticismo; rappresenta l'irrappresentabile, vede l'invisibile, sente il non sensibile. ☞Agli uomini nessuna cosa è impossibile, ciò che voglio posso. ☞La vita non dev'essere un romanzo impostoci, bensì un romanzo fatto da noi. L'amore è lo scopo finale della storia del mondo, l'amen dell'universo. ☞noi siamo il destino che regge il mondo. ☞Il mondo è un indice enciclopedico e sistematico del nostro spirito, una metafora universale, un'immagine simbolica di esso. ☞Il sentimento morale è in noi il sentimento della potenza assoluta di creare, della libertà produttiva, della personalità infinita del microcosmo, della divinità propriamente detta in noi.
  • Gandhi: ☞Sono in effetti, un sognatore pratico. I miei sogni non sono impalpabili nullità. Voglio convertire il più possibile i miei sogni in realtà. ☞Se una qualche mia azione che aspiri ad essere spirituale si dimostra poco pratica, va dichiarata fallimentare. Credo che l'atto più spirituale debba essere il più pratico, nel vero senso del termine. ☞Sono troppo consapevole delle imperfezioni della specie cui appartengo per potermi irritare contro un qualsiasi membro di essa. ☞La non-violenza opera in maniera assai misteriosa. Spesso le azioni di un uomo appaiono difficilmente analizzabili in termini di non-violenza. ☞Mi dichiaro idealista pratico.
  • Kurosaki Ichigo: Anche se non credi alle mie parole, i tuoi occhi mi crederanno...
╔════════════════════╗
█▄█ █ █▀█ █▄█ █▀█ █▀█
█▀█ █ █▀▀ █▀█ █▄█ █▀▀
╚ ═ ═ ═Ȼ ย ℓ τ ย я Δ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═
  • M¹²º

    M¹²º

    About Me

    Le mie foto
    MΣnd0zΔ¹²º
    Messina, Sicily, Italy
    Giosè Venuto also known as Joe Mizo, in attività nelle scene Hip Hop locali, nelle discipline di Rap e Breaking. Laureato in Scienze dell’amministrazione e dello sviluppo economico nell’Università degli studi di Messina, Dipartimento di Scienze politiche e giuridiche. Laureando magistrale in Relazioni Internazionali, con esperienza pratica nei settori del giornalismo.
    Visualizza il mio profilo completo

    Libri, Books

    • Shiatsu do, la via dello Shiatsu - Claudio Parolin
    • Il Libro Completo della Corsa - Footing, Jogging, Running - Jeff Galloway
    • Meditazione - Una tecnica antica e attualissima per ritrovare l'armonia tra il corpo e la mente, e fare emergere le proprie potenzialità - Almuth Huth, Werner Huth
    • Gestire il tempo - Organizzare le attività e migliorare il proprio lavoro - Paolo Boschi, Lucia Sprugnoli
    • Gestire bene il tempo di lavoro - Strategie di time management - David Fontana
    • Prima la testa - Come identificare i dieci tipi di intelligenza e sfruttarne il potenziale al 100% - Tony Buzan
    • Usiamo la Memoria - Come sviluppare ed esercitare le nostre capacità mnemoniche e tenere a mente tutto senza sforzo - Tony Buzan
    • Il Pensiero del Corpo - Sviluppare le capacità della mente per aumentare l'efficienza fisica - Tony Buzan
    • Come Utilizzare le Mappe Mentali per Sviluppare l'Intelligenza Fisica - Tony Buzan
    • Vista Perfetta Senza Occhiali - La Cura della Vista Imperfetta mediante Trattamento Senza Occhiali - William H. Bates
    • Usate i vostri occhi - William B. MacCracken, M.D.
    • Istruzioni per vincere - Come ottenere il massimo nella vita e nello sport. Prefazione di Carlo Ancelotti - Livio Sgarbi
    • Intelligenza Emotiva - Che cos'è, perchè può renderci felici - Daniel Goleman
    • Leonardo Da Vinci - Artista, scienziato, filosofo - Serge Bramly
    • Storia della Mafia - Dall’ “Onorata società” a “Cosa nostra”, la ricostruzione critica di uno dei più inquietanti fenomeni del nostro tempo - Giuseppe Carlo Marino
    • La massoneria in Italia - Enrico Nassi
    • Massoneria e Sette Segrete - La faccia occulta della storia - Epiphanius
    • La Biologia delle Credenze - Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula - Bruce Lipton
    • Il Mio Credo, il Mio Pensiero - Gandhi
    • Una Guerra Senza Violenza - La nascita della nonviolenza moderna - Gandhi
    • Frammenti - Novalis
    • Ribelli - 1000-2000. Un lungo millennio - Marco Sommariva
    • La democrazia partecipativa - Raul Pont
    • Manuale di Diritto del lavoro - Del Giudice, Izzo, Solombrino
    • Startupper - Blank, Dorf
    • Franchising, affiliarsi conviene? - Ravazzi
    • Storia del giornalismo, dalla stampa a caratteri mobili alla rivoluzione digitale - SimOneWeek
    • Manuale di giornalismo - Barbano
    • New Journalism, dalla crisi della stampa al giornalismo di tutti - Pratellesi
    • Elementi di diritto dell'informazione e della comunicazione - Ed.Simone
    • Sociologia della comunicazione - Paccagnella

    Aggregators

    Questo è un Urban Blog! Messina

    Aggregatore Politics blogs & blog posts
Licenza Creative Commons
Questo Blog è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0, pertanto questo Blog è libero, e può essere riprodotto e distribuito, con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, a fini non commerciali e con l'attribuzione della paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Mendoza120's Blog by Mendoza120 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at mendoza120.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.youtube.com/user/Mendoza120s.