Questo è un Urban Blog! Messina

Sull'onda delle proteste in Spagna in strada giovani, precari e disoccupati messinesi

Un sabato di protesta contro il precariato e il mal governo del Paese. Pittura, arte e musica fino a sera. Gli interventi e le dichiarazioni dei partecipanti

L'eco "caliente" delle manifestazioni in Spagna arriva anche a Messina. Le rivoluzioni nord-africane contro i regimi, dopo aver varcato i confini nazionali, suscitando nei giovani spagnoli un bisogno di proteste ed occupazioni che vanno avanti da molti giorni, sembrano stiano ispirando anche le piazze italiane. Un segno di vitalità anche a Messina durante l'intero sabato di ieri, dove, lungo la piazza all'incrocio fra via Lepanto e strada san Giacomo accanto piazza Duomo, dalle 16 in poi, giovani, studenti, precari, disoccupati si sono dati appuntamento per occupare pacificamente e manifestare il proprio dissenso contro un sistema economico che impone il precariato e contro il mal governo che non ha saputo dare una risposta positiva alla crisi che colpisce i settori economici e sociali del nostro paese. Esposti striscioni come “Toma la calle, dalla Spagna all'Italia, riprendiamoci il futuro”, “siamo un esercito di sognatori, per questo siamo 0invincibili” e cartelloni sul referendum del 12 e 13 giugno in favore dei “si per dire no al nucleare, alla privatizzazione dell'acqua e al legittimo impedimento“, accanto a esposizioni di quadri artistici, manufatti in ceramica, sculture con materiale a riciclo, pannelli trasformati in graffiti ad opera dei writers e video-box dove filmarsi per esprimere il proprio pensiero. Significativa l'esibizione improvvisata “dell'happening” di alcuni ragazzi che hanno simulato con gesti mimici continui e ripetitivi, l'immagine di un “ufficio valutazione progetti” dove metaforicamente il giovane presenta il proprio progetto che viene timbrato burocraticamente su una scrivania per poi essere scartato dentro un cestino dal nome “cestino delle idee”. “La valenza simbolica – spiega l'ideatore dell'esibizione – è che i progetti, le idee dei giovani non vengono prese in considerazione”.

Diversi i pensieri e gli interventi di denuncia e protesta dei partecipanti durante un'assemblea pubblica aperta che ha avuto luogo sul posto prima dei mini-concerti della sera di band messinesi rock ed hip hop: Emma di Zaragoza, Spagna riconosce “i problemi di noi ragazzi spagnoli sono gli stessi dei coetanei italiani e messinesi, la crisi la stiamo pagando tutti”; le affermazioni degli altri giovani, studenti e precari messinesi: “protestiamo per il diritto al lavoro, per un futuro stabile e non incerto come i lavori precari trimestrali o semestrali, per il diritto allo studio ed una formazione di qualità, contro il numero chiuso, per il diritto alla casa e per non dover più dipendere dai nostri genitori che si ritrovano a dover aiutare loro noi e non noi a loro come dovrebbe essere, per poter accedere al mondo del lavoro senza dover avere bisogno delle raccomandazioni, per la libertà di espressione e spazi per la cultura. Chiediamo democrazia reale, scuole ed edifici al riparo dal rischio sismico, un territorio che non frani sotto i colpi delle pioggie d'autunno, più parchi attrezzati e aree verdi, servizi pubblici di qualità”; “Questa disoccupazione ha creato una generazione senza sogni e senza prospettive, è arrivato il momento di cambiare rotta”.

Evidenziata durante l'assemblea l'importanza del voto al referendum “il 12 e 13 giugno è fondamentale andare a votare Si per dire No al nucleare, alla privatizzazione dell'acqua e al legittimo impedimento”: “Sono un ex precario delle Ferrovie dello Stato e per me non ha senso smantellare l'RFI con la scusa di un ponte che, mettendo solo per ipotesi che io sia daccordo, non si sa se si farà e quando si farà, cerchiamo di mantenere, aggiornare e investire su quello che abbiamo. “Io sono il genitore di un figlio di 22 anni laureando che dovrà andare via da Messina, come genitore sento di dire agli altri genitori che noi siamo responsabili di questo disastro visto che non abbiamo saputo vigilare sulla politica e non siamo stati capaci di indirizzare socialmente i nostri figli, in piazza noi genitori tutti dovremmo scenderci assieme a loro”; “voglio garanzie per le donne lavoratrici che non debbano aver paura di essere buttate fuori quando si è in attesa di un bambino. “Il fenomeno del precariato non è un problema individuale del singolo, ma ci accomuna tutti, dobbiamo unirci in una voce comune contro il lavoro nero e la mancata sicurezza sul lavoro”; “sono un precario di 28 anni e il mio ex datore di lavoro mi deve 10.000 Euro ma questi soldi non arrivano, spero che questi eventi di protesta aiutino a prendere coscienza dello status in cui si trovano le generazioni di oggi”.

Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=51736#ancora

Tag 0 commenti | |
Reazioni: 
L'illuminazione del pilone di Torre Faro ucciderà migliaia di uccelli migratori notturni
Anna Giordano, WWF: “mentre a New York spengono le luci dei grattacieli, a Messina si procede con l'inquinamento luminoso”. Diffida al Comune del WWF il 5 ottobre scorso

Le ricerche e gli studi scientifici di tutto il mondo testimoniano ed evidenziano il devastante impatto ambientale che le illuminazioni di edifici/torri provocano sui flussi migratori notturni degli uccelli e non solo. Durante la presentazione di questa mattina al Comune del nuovo impianto di illuminazione del pilone di Torre Faro che andrà in funzione il 2 giugno, Anna Giordano del WWF Italia ha provato a spiegare al sindaco Giuseppe Buzzanca e ai relatori, gli effetti catastrofici dell'illuminazione notturna per gli stormi di uccelli migratori, mammiferi, insetti e specie marine che transitano costantemente dallo Stretto di Messina. Distorsione ottica e collisione per attrazione da luce porranno fine alla vita di migliaia di uccelli. I volatili in esame infatti, dopo aver affrontato 5000 km di deserto del Sahara ed attraversato il canale di Sicilia, giungono sullo Stretto di Messina con poche energie residue, luogo in cui troverebbero riposo se non si mettesse di mezzo la distorsione ottica dovuta all'abbagliamento luminoso che provoca in loro la perdita di orientamento; non riconoscendo più terre emerse sulle quali appoggiarsi, gli uccelli migratori continuano a volare fino all'esaurimento delle energie, morendo in mare aperto. L'attrazione della luce invece, causa l'impatto fatale con i livelli più alti di torri/edifici dovuto all'abbagliamento ed al non riconoscimento dell'ostacolo.


Mentre a New York, Toronto e altre importanti città – afferma Anna Giordano - nelle ore notturne fino all'alba spengono le luci dei grattacieli in tutela del volo degli uccelli migratori, risparmiando anche i consumi di elettricità, a Messina si procede con l'inquinamento luminoso, in palese violazione delle norme di tutela vigenti”. Il 5 ottobre scorso infatti, il WWF Sicilia, Italia Nostra e l'associazione Mediterranea per la Natura, avevano inviato una diffida al Comune di Messina a procedere all'affidamento dell'illuminazione, sperando in una corretta Valutazione di Incidenza che avrebbe dovuto affermare il gravissimo impatto sulle specie animali. Dopo la presentazione di questa mattina del nuovo impianto di illuminazione, Buzzanca, che pur ha evidenziato l’estrema precisione con cui il responsabile unico del procedimento, l’ing. Saglimbeni, ha svolto il lavoro, si è detto disponibile ad un nuovo confronto, atteso per la prossima settimana e ha anche preso in considerazione la possibilità di spegnere l’illuminazione durante il periodo di migrazione. Nel frattempo il Comune da appuntamento il 2 giugno sera, giorno della Festa della Repubblica, al pilone di Torre Faro per l'accensione delle luci.

Tag 0 commenti | |
Reazioni: 
Presentato il libro “Nel mondo con gli altri. Il cammino impervio dell'educazione alla pace”

Educare adulti, insegnanti e giovani alla pace e alla non violenza. Venerdì 6 maggio sarà presentato il libro al Circolo Pickwick

I principali fatti di attualità come la guerra in Libia, le rivoluzioni in nord-Africa e soprattutto i numerosi conflitti in corso in tutto il mondo (solo in Africa si contano circa trenta guerre senza ancora una fine) dei quali i mass media ne parlano molto poco, testimoniano un silenzio assordante del sistema di informazione in occidente. Silenzio che molto spesso viene trasformato dai grandi mezzi di comunicazione di massa in una retorica che utilizza termini per sminuire le guerre oppure per accentuarne la paura che ne deriva; metodi che spesso servono per giustificare e non far conoscere i reali motivi delle guerre, economici nella maggiorparte dei casi. E' su questo clima incentrato sulla cultura della guerra, dove soprattutto i giovani ne subiscono l'indottrinamento vivendo quotidianamente sulla difensiva e sul non-sogno, che il libro propone un grande obiettivo raggiungibile da tutti come da titolo: “Nel mondo con gli altri. Il cammino impervio 0dell'educazione alla pace”.

L'associazione “Piccola Comunità Nuovi Orizzonti” tramite la presentazione, venerdì 6 maggio alle 18 presso la libreria “Circolo Pickwick”, del libro finanziato dal Cesv di Messina nell'ambito del Progetto “Cooperazione pedagogica: Percorsi di educazione alla pace”, propone un dibattito sull'educazione di adulti, insegnanti, e soprattutto giovani da una cultura di guerra alla cultura della pace e della non violenza. “Il volume – affermano Antonino Conti Nibali, presidente di “Nuovi orizzonti e l'economista Guido Signorino componente del Direttivo dell'associazione - rappresenta il punto di arrivo di un percorso di riflessione sul tema della pace che un gruppo di insegnanti messinesi ha sviluppato nel corso del 2009. Il progetto sull'educazione alla pace, finanziato dal CESV di Messina, partendo dal linguaggio e dalle problematiche dell'informazione, ha coinvolto gli insegnanti che vi hanno partecipato in laboratori relazionali e approfondimenti specifici, realizzando momenti di incontro e confronto con testimoni impegnati in prima persona nella pedagogia della pace”.

“Il libro, raccogliendo alcuni di questi contributi, - prosegue Antonia Rosetto Ajello, Dottoressa di ricerca e curatrice del volume - pone principalmente il problema e l'obiettivo di “come parlare di pace ai giovani”, individuare lo spazio dell'educazione alla pace prendendo in considerazione gli aspetti politici e pedagogici, mettere in luce la disinformazione e far sviluppare un pensiero critico ai ragazzi”.
Il dibattito toccherà anche il discorso sulla disinformazione che accomuna sullo stesso livello l'argomento della pace ai temi del referendum del 12 e 13 giugno: l'energia, i beni pubblici (l'acqua), l'uguaglianza di fronte alla legge, punti fondamentali se si vuole affrontare un discorso come la nonviolenza. “Se non abbiamo la possibilità di fermare le guerre, - termina l'economista Guido Signorino - abbiamo la responsabilità di costruire un clima di pace nel nostro vivere quotidiano e nel nostro paese. Smascherare i reali motivi, principalmente economici, e le ingiustizie della guerra, squarciando il silenzio. Questo è nelle nostre possibilità”.

Fonte: http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=50935#


Tag 0 commenti | |
Reazioni: 

¯`·.·•

  • Karia - Bleach: ☞Io sono sano di mente...è il mondo che è fuori di testa!
  • Inoki: ☞Illuminami oppure prodigati per tenermi a bada.
  • David Icke: ☞L'amore infinito è l'unica verità, tutto il resto è illusione.
  • Novalis: ☞Il pensiero è soltanto un sogno del sentimento. ☞Il poeta comprende la natura meglio dello scenziato. ☞Il senso per la poesia ha molto in comune col senso per il misticismo; rappresenta l'irrappresentabile, vede l'invisibile, sente il non sensibile. ☞Agli uomini nessuna cosa è impossibile, ciò che voglio posso. ☞La vita non dev'essere un romanzo impostoci, bensì un romanzo fatto da noi. L'amore è lo scopo finale della storia del mondo, l'amen dell'universo. ☞noi siamo il destino che regge il mondo. ☞Il mondo è un indice enciclopedico e sistematico del nostro spirito, una metafora universale, un'immagine simbolica di esso. ☞Il sentimento morale è in noi il sentimento della potenza assoluta di creare, della libertà produttiva, della personalità infinita del microcosmo, della divinità propriamente detta in noi.
  • Gandhi: ☞Sono in effetti, un sognatore pratico. I miei sogni non sono impalpabili nullità. Voglio convertire il più possibile i miei sogni in realtà. ☞Se una qualche mia azione che aspiri ad essere spirituale si dimostra poco pratica, va dichiarata fallimentare. Credo che l'atto più spirituale debba essere il più pratico, nel vero senso del termine. ☞Sono troppo consapevole delle imperfezioni della specie cui appartengo per potermi irritare contro un qualsiasi membro di essa. ☞La non-violenza opera in maniera assai misteriosa. Spesso le azioni di un uomo appaiono difficilmente analizzabili in termini di non-violenza. ☞Mi dichiaro idealista pratico.
  • Kurosaki Ichigo: Anche se non credi alle mie parole, i tuoi occhi mi crederanno...
╔════════════════════╗
█▄█ █ █▀█ █▄█ █▀█ █▀█
█▀█ █ █▀▀ █▀█ █▄█ █▀▀
╚ ═ ═ ═Ȼ ย ℓ τ ย я Δ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═ ═
  • M¹²º

    M¹²º

    About Me

    Le mie foto
    MΣnd0zΔ¹²º
    Messina, Sicily, Italy
    Giosè Venuto also known as Joe Mizo, in attività nelle scene Hip Hop locali, nelle discipline di Rap e Breaking. Laureato in Scienze dell’amministrazione e dello sviluppo economico nell’Università degli studi di Messina, Dipartimento di Scienze politiche e giuridiche. Laureando magistrale in Relazioni Internazionali, con esperienza pratica nei settori del giornalismo.
    Visualizza il mio profilo completo

    Libri, Books

    • Shiatsu do, la via dello Shiatsu - Claudio Parolin
    • Il Libro Completo della Corsa - Footing, Jogging, Running - Jeff Galloway
    • Meditazione - Una tecnica antica e attualissima per ritrovare l'armonia tra il corpo e la mente, e fare emergere le proprie potenzialità - Almuth Huth, Werner Huth
    • Gestire il tempo - Organizzare le attività e migliorare il proprio lavoro - Paolo Boschi, Lucia Sprugnoli
    • Gestire bene il tempo di lavoro - Strategie di time management - David Fontana
    • Prima la testa - Come identificare i dieci tipi di intelligenza e sfruttarne il potenziale al 100% - Tony Buzan
    • Usiamo la Memoria - Come sviluppare ed esercitare le nostre capacità mnemoniche e tenere a mente tutto senza sforzo - Tony Buzan
    • Il Pensiero del Corpo - Sviluppare le capacità della mente per aumentare l'efficienza fisica - Tony Buzan
    • Come Utilizzare le Mappe Mentali per Sviluppare l'Intelligenza Fisica - Tony Buzan
    • Vista Perfetta Senza Occhiali - La Cura della Vista Imperfetta mediante Trattamento Senza Occhiali - William H. Bates
    • Usate i vostri occhi - William B. MacCracken, M.D.
    • Istruzioni per vincere - Come ottenere il massimo nella vita e nello sport. Prefazione di Carlo Ancelotti - Livio Sgarbi
    • Intelligenza Emotiva - Che cos'è, perchè può renderci felici - Daniel Goleman
    • Leonardo Da Vinci - Artista, scienziato, filosofo - Serge Bramly
    • Storia della Mafia - Dall’ “Onorata società” a “Cosa nostra”, la ricostruzione critica di uno dei più inquietanti fenomeni del nostro tempo - Giuseppe Carlo Marino
    • La massoneria in Italia - Enrico Nassi
    • Massoneria e Sette Segrete - La faccia occulta della storia - Epiphanius
    • La Biologia delle Credenze - Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula - Bruce Lipton
    • Il Mio Credo, il Mio Pensiero - Gandhi
    • Una Guerra Senza Violenza - La nascita della nonviolenza moderna - Gandhi
    • Frammenti - Novalis
    • Ribelli - 1000-2000. Un lungo millennio - Marco Sommariva
    • La democrazia partecipativa - Raul Pont
    • Manuale di Diritto del lavoro - Del Giudice, Izzo, Solombrino
    • Startupper - Blank, Dorf
    • Franchising, affiliarsi conviene? - Ravazzi
    • Storia del giornalismo, dalla stampa a caratteri mobili alla rivoluzione digitale - SimOneWeek
    • Manuale di giornalismo - Barbano
    • New Journalism, dalla crisi della stampa al giornalismo di tutti - Pratellesi
    • Elementi di diritto dell'informazione e della comunicazione - Ed.Simone
    • Sociologia della comunicazione - Paccagnella

    Aggregators

    Questo è un Urban Blog! Messina

    Aggregatore Politics blogs & blog posts
Licenza Creative Commons
Questo Blog è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0, pertanto questo Blog è libero, e può essere riprodotto e distribuito, con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, a fini non commerciali e con l'attribuzione della paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Mendoza120's Blog by Mendoza120 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at mendoza120.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.youtube.com/user/Mendoza120s.